Beni gestiti da IN

  • Tenuta di Castelporziano

    Italia Nostra ha aderito  al progetto di riapertura della Tenuta di Castelporziano da parte del Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella. Numerosi sono, infatti, i volontari dell’Associazione e, in particolare, della sezione di Roma, che faranno da Ciceroni per il percorso storico artistico.La Tenuta Presidenziale di Castelporziano, dista circa 25 Km dal centro di Roma e si estende su una superficie di 60 Km2 (6039 ettari) comprendendo alcune storiche tenute di caccia quali “Trafusa, Trafusina, Riserve Nuove e Capocotta”.
    Consulta la Scheda

  • Eremo di Santo Spirito a Majella

    Dai primi di luglio del 2015 Italia Nostra ha avuto in gestione dal Comune di Roccamorice l’Eremo di Santo Spirito a Majella. Un eremo rupestre di grande importanza architettonica, storica, religiosa il cui stato di conservazione, nonostante i restauri degli anni novanta, non era ottimale. Italia Nostra ha elaborato un modello di gestione fondato sull’attivazione delle comunità locale come principale strumento di conservazione del bene; ha perorato e supportato la costituzione di una cooperativa di giovani, Ripa Rossa, a cui ha affidato le visite guidate e la pulizia dei luoghi e intorno ad essa ha avviato la valorizzazione del bene.
    Consulta la Scheda

    APPROFONDIMENTI
    http://www.italianostra.org/eremosantospirito/

  • Grangia San Giorgio

    Ad Aprile 2016 Italia Nostra ha preso in gestione la Grangia di San Giorgio a Roccamorice. Un antico monastero benedettino immerso nel verde, a 2km dal centro del paese, in contrada Piano delle Castagne e gestito dalla sezione locale di Pescara. Si tratta di un insediamento monastico di origine cistercense, una costruzione chiusa, una grangia, dove si conservava il raccolto e dove proliferava una azienda agricola comprendente altri edifici rurali, campi e pascoli.
    Consulta la Scheda

  • Eremo di San Bartolomeo in Legio

    Ad Aprile 2016 Italia Nostra ha preso in gestione l’ Eremo di San Bartolomeo in Legio a Roccamorice. L’eremo si trova su di uno sperone roccioso a 700 m s.l.m. nel massiccio montuoso della Majella, nel comune di Roccamorice a poca distanza del più importante eremo di Santo Spirito a Majella. Ubicato a mezzacosta, sul versante a solatio del Vallone di Santo Spirito, costruito sotto un ampio tetto di roccia e gestito dalla sezione locale di Pescara.
    Consulta la Scheda

  • Boscoincittà

    È un parco pubblico del Comune di Milano. Nato nel 1974 su iniziativa di Italia Nostra, è il primo esempio di forestazione urbana del Paese, con grandi valenze paesaggistiche, ricreative e ambientali. Sono 110 ettari di boschi, radure, sentieri, corsi d’acqua, orti urbani, un’antica cascina che ne costituisce il centro operativo. Il Boscoincittà è uno dei parchi più amati dai milanesi. Esso viene gestito – con un contratto con Il Comune di Milano, dagli operatori del Centro di Forestazione Urbana (CFU) di Italia Nostra
    Consulta la Scheda

    APPROFONDIMENTI
    www.cfu.it

  • Cava Ongari Cerutti

    Nel 2014 l’Amministrazione Comunale affida a Italia Nostra il compito di intervenire con azioni di ripulitura, assestamento della flora, ricognizione della fauna presente, sistemazione o eliminazione di ruderi presenti nel tempo di tre anni.  L’obbiettivo della sezione locale di Italia Nostra Milano Nord Cintura Metropolitana è ripulire quindi l’area dai rifiuti di superficie, mantenere una presenza costante per prevenire insorgere di fenomeni incontrollati (insediamenti abusivi, spaccio,…) e avviare con gli uffici comunali le procedure per  poter aprire all’uso pubblico le aree.
    Consulta la Scheda

  • Punto Parco “Cascina Favaglie” San Rocco

    La sezione di Milano Nord Ovest gestisce da anni l’area museale (ora di proprietà del Comune di Cornaredo) Cascina Favaglie San Rocco. La struttura risale al 1830 ed è stata sede di attività agricola importantissima per l’economia locale. Nel 2007 la proprietà ha affidato la gestione ad Italia Nostra perché la rendesse fruibile alla Comunità. I volontari di Italia Nostra hanno restaurato i diversi edifici di pertinenza della cascina, quali la Chiesetta quattrocentesca di S.Rocco, la grande Ghiacciaia, il Forno comunitario, la ex Porcilaia e questi preziosi beni accessori costituiscono, unitamente ad un’area a verde circostante, nel loro insieme “Il Polo Museale di Cascina Favaglie” che è anche punto informativo del Parco Agricolo Sud Milano… (continua a leggere)
    Consulta la Scheda 

  • Parco del Magliano

    Il Parco del Magliano, da dicembre 2012 affidato a Italia Nostra dal Comune di Massa, è costituito dall’area compresa tra Via Rossini, Via Magliano, il Lungomare di Levante e il Fosso del Magliano. Presso Marina di Massa (Massa), la sezione locale di Italia Nostra gestisce il Parco, un’area verde comunale di 30.540 mq. Italia Nostra ha ricevuto l’incarico di occuparsi della manutenzione dell’area e dell’organizzazione di attività ludiche per la collettività, mantenendo il Parco a disposizione dei cittadini, enfatizzandone gli aspetti culturali e naturalistico – ambientali. Inoltre sono state date in gestione all’Associazione anche le due strutture presenti nell’area: un punto ristoro ed i servizi igienici.
    Consulta la Scheda

  • Riserva naturale orientata “Monte Capodarso e Valle dell’Imera meridionale”

    Nel cuore della Sicilia, lungo il corso del fiume Imera meridionale, tra le falde del Monte Capodarso e del Monte Sabucina, in un contesto archeologico e naturalistico di rara bellezza Italia Nostra ha individuato un territorio da proteggere e salvaguardare, onde consentire alla popolazione locale la fruizione eco-compatibile dei luoghi e contribuire allo sviluppo di un turismo culturale che consenta di godere le meraviglie della natura ed incrementare l’economia del territorio.
    Consulta la Scheda

    APPROFONDIMENTI
    www.riservaimera.it

  • Centro Educazione Ambientale Selva di Castelfidardo e Museo del Risorgimento di Castelfidardo

    Presso Castelfidardo Italia Nostra gestisce in maniera “diretta”, tramite la sezione di Castelfidardo, il Museo del Risorgimento presso palazzo Ciriaco Mordini di Castelfidardo; fa inoltre parte, in qualità di Rappresentante dei Beneficiari, della Fondazione Duca Roberto Ferretti di Castelferretto, che gestisce il Centro di Educazione Ambientale (C.E.A.) Selva di Castelfidardo, oltre a promuovere le diverse altre iniziative descritte di seguito.
    Consulta la Scheda

  • Polo Museale del Porto Vecchio di Trieste

    La convenzione, stipulata tra Italia Nostra e l’Autorità Portuale di Trieste, prevede l’impegno dei volontari della sezione di Trieste nella valorizzazione e promozione del Polo Museale del Porto Vecchio, costituito dalla Centrale Idrodinamica e dalla Sottostazione Elettrica, assicurandone la competenza e garantendone l’accesso al pubblico almeno per tre giorni a settimana, anche nei giorni festivi.
    Consulta la Scheda

  • La Torre Canai di Sant’Antioco

    Da ormai quasi vent’anni Italia Nostra si occupa della Torre Canai. Questa, dopo significativi lavori di restauro, è divenuta sede della sezione di Sant’Antioco e al suo interno è stata allestita una Mostra permanente sulle Torri Costiere della Sardegna (con particolare attenzione alle vicende storiche della Torre Canai) e sulle emergenze geologiche, botaniche, faunistiche ed archeologiche dell’isola di Sant’Antioco.
    Consulta la Scheda

  • La quercia “Il Rogolone”

    Tra gli alberi monumentali d’Italia, troviamo il così detto “Rugulon”, stupendo patriarca della natura donato nel 1987 a Italia Nostra. Il “Rugulon”, grande quercia rovere della specie “quecus petraea”, è una delle querce più antiche d’Italia e l’analisi dendrocronologica condotta dal centro di Losanna (il più qualificato in Europa) la fa risalire intorno al 1730 quando era già abbastanza adulta. Nel 1987 l’albero è stato donato dal Dott. Cerletti a Italia Nostra e la Sezione di Como se ne prende cura con periodiche manutenzioni e concimazioni del terreno.
    Consulta la Scheda 

  • Area Archeologica “Griso Laboccetta”

    La sezione di Reggio Calabria di Italia Nostra gestisce un’area archeologica, denominata “Griso Laboccetta” nella città di Reggio, con resti di tempi arcaici di età greca. Il 7 maggio 2014 è stato stipulato un protocollo d’intesa tra la Soprintendenza per i Beni Archeologici della Calabria, l’Amministrazione Provinciale e la sezione di Reggio Calabria di Italia Nostra per la valorizzazione dell’area archeologica. Secondo gli accordi, l’Associazione si impegna a prestare a titolo gratuito la propria collaborazione tramite operatori volontari.
    Consulta la Scheda

  • Centro Culturale – Biblioteca “R. Sturani”

    All’interno di Villa Beer, ad Ancona, la sezione locale di Italia Nostra gestisce il Centro Culturale – Biblioteca “R. Sturani”, aperta al pubblico dal 4 febbraio 2013. La Biblioteca raccoglie al suo interno un patrimonio librario e di riviste specialistiche nel settore dei beni culturali ed ambientali di proprietà di Italia Nostra, raccolto sotto la denominazione di “Centro di Documentazione Regionale sui Beni Culturali ed Ambientali”, e un patrimonio librario di proprietà della Circoscrizione.
    Consulta la Scheda

  • Centro Educazione Ambientale Elsieana Prato di Monte Baldo

    Il Centro di Educazione Ambientale Elsileana Prato è situato a Ferrara di Monte Baldo (Verona) a circa 850m sul livello del mare in un contesto di pregevolissimo valore paesaggistico. Fin dal 1500 è stato meta di studiosi e naturalisti provenienti da ogni dove, tanto da meritare l’appellativo di “Hortus Europae” per la ricca presenza di essenze botaniche endemiche. Abitato fin dalla preistoria, il paesaggio è stato modellato nei secoli dall’attività dell’uomo che ha contribuito a renderlo unico.
    Consulta la Scheda

    APPROFONDIMENTI

    www.italianostravr.it

  • Torre di Alberona

    Il proprietario Nicola Caruso la donò nel 2002 alla locale sede di Italia Nostra. Essa appartenne prima ai Templari,poi ai Cavalieri di Malta stabilitisi ad Alberona dal XII al XX secolo. Era praticamente la residenza del Gran Priore dell’Ordine dei Cavalieri di Malta di Barletta, quando si trasferiva nel suo feudo di Alberona.
    Consulta la Scheda 

Italia Nostra Onlus