Italia Nostra

Data: 5 Aprile 2017

Ascoli Piceno: Il Parco Culturale ed Ambientale delle Terre del Tartufo e il Muro di Cemento di Funti

Come è noto la Sezione Ascolana di Italia Nostra sta proponendo da tempo la realizzazione di Otto Parchi Culturali ed Ambientali, individuati come Moduli nell’ambito del più complesso progetto del Distretto delle Risorse Culturali delle Terre della Primavera Sacra. La realizzazione dei Parchi e del Distretto consentirebbe di individuare le modalità corrette degli interventi effettuabili sul territorio onde evitare quelli non adeguati ai pregi dei siti e capaci di arrecare danni talvolta irrimediabili   alla loro integrità.

Tutto ciò nella convinzione che solo un’attenta e responsabile azione   illuminata dai principi della tutela, conservazione e responsabile fruizione oltre che dalla capacità di creare le condizioni per lo sviluppo della cultura per la società della conoscenza e dell’innovazione, che sono i principi ispiratori della proposta del Distretto e dei Parchi, possa contribuire efficacemente alla valorizzazione sistemica delle risorse   del territorio per consentire uno sviluppo economico e duraturo in grado di favorire la creazioni di opportunità lavorative specie per le giovani generazioni.

E’ proprio il contrario di quanto accaduto nella località di Funti, dove ci è stato segnalato, sono stati realizzati dei muraglioni di cemento, sembra a spese del comune, per modificare un prato che si presentava in lieve declivio che si inseriva in perfetto e sicuro equilibrio nel pregiato contesto ambientale. In luogo del prato ora si presenta alla vista un anonimo ed inelegante muto di cemento, che forse ha consentito di mettere in piano un terrazzo , sembra di proprietà privata, ma ha in pari tempo modificato in maniera inaccettabile l’immagine di un sito di elevato pregio, sul cui sfondo si esalta la bellezza del territorio Piceno sino alle cime dei Sibillini coperti di neve.

E’ probabile che sia alquanto difficile riportare alla primitiva equilibrata armonia lo stato dei luoghi. Riteniamo comunque che si debbano individuare con un accurata indagine le modalità che hanno permesso un intervento così poco opportuno e tanto ingiustificabile dal punto di vista ambientale e paesaggistico, accertando in pari tempo, nel caso dovesse risultare impossibile riportare il sito allo stato primitivo, un intervento di mimetizzazione , coprendo almeno il muro di cemento con una parete di pietra locale che possa almeno in parte ridurre il danno.

Prof. Gaetano Rinaldi     
Presidente Italia Nostra Ascoli Piceno

 

Ci daresti una mano?

Regalati la tessera di Italia Nostra e donala ai tuoi amici per proseguire una storia lunga oltre 65 anni di iniziative, progetti e battaglie per il Paese.

Italia Nostra