LISTA ROSSA ITALIA NOSTRA

Fontana – pozzo di piazza Marina a Barletta

Autore segnalazioneSezione di Barletta di Italia Nostra - barletta@italianostra.org
Data aggiornamento02/03/2022
Denominazione beneFontana - pozzo di piazza Marina a Barletta
RegionePuglia
ProvinciaBarletta-Andria-Trani
ComuneBarletta
Indirizzopiazza Marina
Indirizzo di georeferenziazione (da Google MAPS) 41.30989, 16.26750
CategoriaBeni culturali
Categoria specialistica bene culturaleFontana-pozzo
Inserire immagine barletta-1.jpg
Descrizione immagineImmagine complessiva del pozzo cantierizzato
 
Inserire immagine barletta-2.jpg
Descrizione immagineparticolare dell’epigrafe
 
Inserire immagine barletta-3-1.jpg
Descrizione immaginecondizioni della fontana-pozzo
 
Inserire immagine barletta-4.jpg
Descrizione immaginepanoramica oggi. Immagine da PugliaReporter.com
 
Descrizione generale del beneIn piazza Marina a Barletta, tra la chiesa di S. Cataldo, la chiesa ed ex convento del Carmine, l’ex Regia dogana, il nuovo Palazzo della Guardia di Finanza e la Porta Marina, c’è un antico pozzo con pila risalente al 1547, costruito a spese della Universitas barlettana per il fabbisogno pubblico.

Il pozzo e la pila per più di due secoli fu utilizzato anche dalla Confraternita del Monte di Pietà di Barletta a scopo di lucro, poiché esigeva la gabella sull’abbeveraggio degli animali, i cui proventi dovevano essere impiegati in opere pie; tornò ad essere di esclusivo uso pubblico con la riforma del decennio francese, ma poi rimase in stato di abbandono, tanto che nel 1850 era ormai un rudere a secco. Nel 1859 la fonte fu restaurata dall’Amministrazione civica e riconsegnata alla collettività. Nella prima metà del ‘900 fu definitivamente interrata. I resti dell’antica fonte, in pietra viva, sono stati riscoperti a seguito di uno scavo archeologico eseguito per lavori di manutenzione della piazza, portando alla luce la sua storia che si snoda per circa 4 secoli.

Fino al 2008 è stata celata da un marciapiede di forma circolare, adibito a rotatoria. Oggi è protetta da una recinzione di pannelli trasparenti di plexiglass, ma ugualmente versa in stato di abbandono: la pavimentazione in basalto è totalmente sollevata, e tra una mattonella e l’altra si insinuano le erbacce; l’ammasso di pietre che accerchia la fontana è compromesso, ridotto in cocci, ormai da troppi anni.
Presenza di elementi di pregioSu una pietra che circonda la fonte interna è ancora visibile l’iscrizione lapidea che attesta la committenza e l’anno della sua costruzione:

“RES(PUBLICA) BAROLITANA HA(N)C  FO(NT)ĒM  A FŪ(N)DAMENTIS  FECIT   T(EM)P(OR)Ē  MAG(NIFICI) D(O)M(IN)I U(TRIUSQUE) J(URIS) D(OCTORIS) FERDINAND(I)  DE FIGUEROA  REG(II) CAP(ITANEI) T(ER)ŘE BAR(OLI) ET COM(MISSARII) REDE(MPTIO)NĨS E(IUS)  T(ER)ŘE. 1547”.

La Repubblica barlettana costruì dalle fondamenta questa fontana al tempo del magnifico don Ferdinando de Figueroa, dottore in entrambi le leggi, Regio capitano di Terra Baroli commissario dell’esazione di quella Terra. 1547.
Interesse culturale del bene (c.d. vincolo)
Tipo interesseE' legato alla conservazione del centro antico di Barletta
Interesse pubblico del beneE’ un manufatto legato alla storia della città dal XVI secolo ad oggi.
Autore/iIgnoto
Periodo di realizzazione1547
Funzione in passatoFontana-pozzo
Elementi di rilievo dal punto di vista storico-documentaleiscrizione lapidea
Riferimenti BibliograficiArchivio del Monte di Pietà di Barletta.

Archivio Storico del Comune c/o Archivio di Stato – Sezione di Barletta.

Biblioteca Comunale “S. Loffredo” di Barletta – Fondo manoscritti.

Rassegna stampa quotidiani locali online
Stato di conservazioneMediocre
Motivazioni del degradoSuperficiali (vegetazione), Generali (abbandono)
Descrizione dello stato di conservazioneSegnaliamo il bene per lo stato di abbandono in cui versa sperando in un intervento di restauro di cui necessita con urgenza.
ProprietàSoggetto pubblico
Funzione attuale del beneNon è più un bene fruibile, ma solo visibile in parte attraverso i pannelli trasparenti di recinzione chiusi a chiave.

L’accesso è consentito solo agli addetti ai lavori di pulizia, ma di fatto da parecchio tempo è coperta da erbacce.
Eventuali progetti finalizzati al recupero/riutilizzo:Purtroppo ad oggi non sono previsti progetti di recupero del bene in oggetto, né da parte dell’Amministrazione Comunale né da parte di privati.
E’ raggiungibile da una strada?
E’ possibile avvicinarsi?
IndicazioniIl bene è parte di un progetto edilizio mai concluso e quindi risulta essere sostanzialmente un cantiere
E' aperto al pubblico?No

Ci daresti una mano?

Regalati la tessera di Italia Nostra e donala ai tuoi amici per proseguire una storia lunga oltre 65 anni di iniziative, progetti e battaglie per il Paese.

Italia Nostra